Cosa vedere a Milano – Monumenti e posti da visitare

0

Cosa Vedere a Milano – Scopri le cose da visitare a Milano con i nostri consigli su mete e destinazioni da visitare in uno, due o tre giorni. Guida completa per un soggiorno economico e low cost.

Polo commerciale per eccellenza dell’Italia e capitale della moda, Milano è una città ricca di attrazioni che vale la pena visitare. Ovunque ha molto da offrire, e anche se avete poco tempo a disposizione ci sono cose che non potete assolutamente perdere. Ecco alcuni itinerari per visitare Milano e scoprire le meraviglie di questa splendida città!

Cosa vedere a Milano in un giorno

Avete a disposizione solo un giorno da dedicare alla visita di Milano? Niente paura, anche in una sola giornata potete ammirare la bellezza di quelli che sono i simboli per eccellenza della città. Iniziate il vostro tour dal Duomo, la cattedrale in cui sulla guglia maggiore si trova la famosa “Madunina“.

L’architettura gotica di questo magnifico e maestoso monumento vi lascerà senza fiato: commissionata nel 1386 da Gian Galeazzo Visconti, sono trascorsi cinquecento anni per poterla ultimare e il risultato è un concentrato di stili che insieme creano un effetto armonioso e piacevole. Per ammirare da vicino le sue 135 guglie potete salire sulla terrazza e da lassù godere il magnifico panorama sulla città, uno spettacolo indescrivibile!

Sulla sinistra di Piazza Duomo si apre la Galleria Vittorio Emanuele II, progettata per collegare Piazza Duomo e Piazza della Scala. La galleria venne proprio nel 1867 proprio da Vittorio Emanuele e fu un successo straordinario, che attrasse visitatori da tutta Europa. Coperta con enormi archi in ferro e vetro, la galleria ha la forma di una croce che nel centro si eleva fino a 47 metri di altezza. Piena di negozi e locali alla moda, è luogo di passaggio e di incontro per milanesi e turisti che sono in visita nella città.

Altro simbolo di Milano è il celebre Teatro La Scala, costruito nel 1778 su progetto di Giuseppe Piermarini nel 1778 e commissionato da Maria Teresa d’Austria dopo l’incendio che distrusse il Teatro Regio. La magnificenza degli interni e l’acustica ritenuta la migliore al mondo ne fanno il teatro di lirica più prestigioso in assoluto. Al centro della piazza svetta una statua raffigurante Leonardo da Vinci.

Oltre alla Scala si trova Palazzo Marino, sede del comune milanese. Costeggiando la struttura si arriva a Piazza San Fedele, sulla quale si affaccia la chiesa omonima, costruita nel XVI secolo per ordine di san Carlo Borromeo per ospitare la Compagnia di Gesù. All’interno della Chiesa di San Fedele si può ammirare un’opera in ceramica di Lucio Fontana.

Da vedere nelle vicinanze la Casa degli Omenoni del cinquecento, caratteristica con i suoi otto telamoni sulla facciata, delle sculture di uomini grossi che la rendono possente e maestosa. Più avanti si trova anche Piazza Belgioioso in cui si può visitare la Casa di Alessandro Manzoni.

In questa zona della città sono tante le cose da vedere e prima di allontanarvi girate le spalle al Duomo e tenetevi sulla destra, proseguendo per Via dei Mercanti. La via vi conduce su Piazza dei Mercanti, chiusa tre bellissimi palazzi, il palazzo della Ragione, la casa dei Panigarola, il palazzo della Scuole Palatine e la Loggia degli Osii.

Proseguendo invece su Via Manzoni potete visitare il Museo Poldi Pezzoli, un’elegante residenza aristocratica del XIX secolo in cui è esposta la collezione privata del suo antico proprietario, e giungere in quello che è noto come il Quadrilatero della Moda, che comprende anche Monte Napoleone e Via della Spiga.

In queste vie si trovano le firme più prestigiose al mondo, e sono tanti i visitatori che giungono da ogni dove per fare shopping di lusso!

Imboccate via Sant’Andrea e poi via Senato e potrete ammirare l’Archivio di Stato, dinanzi al quale si trova una scultura di Joan Mirò, donata dallo stesso artista alla città di Milano nel 1976.

In un giorno è anche possibile fare una capatina a Brera, un quartiere rinomato facile da raggiungere proseguendo su Via Verdi. In questo delizioso angolo della città si ha come la sensazione di tornare indietro nel tempo, e vale la pena fare una passeggiata tra gallerie, ristoranti, bar e tante bancarelle.

Da non perdere una visita alla Pinacoteca, che custodisce una delle collezioni d’arte più importanti d’Italia, situata accanto all’Accademia di Belle Arti.

Da Brera in due minuti potete raggiungere Parco Sempione, il polmone verde della città, un’area molto rilassante e ricca di attrazioni, e al cui interno si trova il Castello Sforzesco, monumento di epoca rinascimentale molto amato dai milanesi e simbolo della rinascita culturale della città.

Al suo interno di trovano ben sette musei tematici, in uno dei quali si trova esposta la celebre Pietà Rondanini di Michelangelo ed offre percorsi suggestivi e affascinanti, in grado di portare indietro nel tempo e far rivivere epoche passate con grande emozione.

Per concludere la magnifica giornata dirigetevi verso corso di Porta Ticinese per raggiungere le Colonne di S. Lorenzo, un complesso composto da 16 colonne in marmo con capitelli corinzi che rappresentano ciò che rimane del quadriportico della Basilica di San Lorenzo.

La zona è costellata da tantissimi bar e locali ed è il cuore della movida milanese, luogo perfetto per trascorrere una bellissima serata!

Cosa vedere a Milano in 2 giorni

Dovete soggiornare qualche giorno a Milano ma avete appena qualche giorno da dedicare per visitarla? Ecco un itinerario da seguire per visitare Milano in due giorni e vedere il meglio che questa splendida città può offrire!

Cosa vedere a Milano in 2 giorni – Primo Giorno

Il tour di Milano inizia dal Castello Sforzesco, simbolo della famiglia che all’epoca governava la città. Oltre che una magnifica e imponente testimonianza del passato il castello ad oggi è anche un centro culturale di notevole importanza, visto che all’interno si trovano diversi musei civici da visitare.

Davanti al castello si trova Parco Sempione, splendido esempio di giardino romantico all’inglese, realizzato nel 1888 e polmone verde della città. Oltre ai prati, sentieri, laghetti e statue di ogni genere il parco ospita bar, il Museo del Design della Triennale di Milano, l’Acquario Civico. Tra le strutture del parco una visita merita anche la Torre Branca, realizzata nel 1933 in acciaio da Gio Ponti. Alta 108 metri, dalla sua cima si gode un panorama incredibile sulla città.

Un’altra attrazione del parco è senza dubbio il Ponte delle Sirenette, che trae il suo nome dalle quattro statue da cui è composto. Realizzato nel 1842, è considerato il primo ponte metallico costruito in Italia.

Alla fine di Parco Sempione si trova la piazza omonima in cui è collocato l’Arco della Pace, del quale si dice che sia allineato con l’Arco di Trionfo di Parigi. Questo arco, così come quello francese, avrebbe dovuto omaggiare le vittorie di Napoleone ma non è stato raffigurato perché è stato ultimato nel 1815, quindi dopo la sconfitta dell’imperatore.

Proseguendo verso la parte opposta al Parco, dirigetevi verso Largo Cairoli, Via Dante e Piazza Cordusio e raggiungete Piazza Duomo, al cui centro sorge il simbolo della città, appunto il Duomo, una costruzione gotica-neogotica, iniziato a costruire nel periodo medievale e terminato solo nell’ottocento.

La cattedrale si distingue per il suo spiccato verticalismo e la elevata concentrazione di guglie, e anche per la statua della Madonnina che svetta nel cielo dall’alto della guglia maggiore. A sinistra si può ammirare il Palazzo dell’Arengario, composto da due edifici gemelli con dei propilei laterali alla piazza. All’interno del palazzo si trova il Museo del Novecento, che ospita una collezione di oltre quattromila opere di arte italiana del XX secolo. Sempre in piazza Duomo si trovano il Palazzo Reale e il Palazzo Arcivescovile.


Ma l’altra meraviglia assoluta del centro di Milano è senza alcun dubbio la
Galleria Vittorio Emanuele II, uno spazio creato per collegare Piazza Duomo a Piazza della Scala, coperto da una cupola enorme in ferro e vetro altissima.Di fronte al Duomo un altro edificio da ammirare è anche Palazzo Carminati, costruito alla fine degli anni ’60 del secolo XIX per volontà di Giacomo Cesati, un ricco industriale del settore argentiero.

Al suo interno hanno sede alcune delle vetrine più importanti di Milano, ma anche sedi storiche del locale Campari e del Bar Motta. Da questa zona si giunge facilmente a Piazza San Babila e quindi al perimetro del quadrilatero della moda, che comprende le due vie più famose dello shopping, Via Montenapoleone e Via della Spiga.

Proseguite su Via Manzoni e giungete al Teatro della Scala, magnifica struttura famosa nel mondo per le sua architettura, la sua storia e le sue rappresentazioni liriche. Qui si sono esibiti artisti di fama internazionale che hanno dato maggiore lustro al teatro. All’interno si trova un museo che consente di ripercorre la storia della città e dei personaggi più celebri della musica come Giuseppe Verdi. Di fronte al teatro si trova Piazza della Scala al cui centro si erge il monumento a Leonardo da Vinci.

Alle spalle della Scala potete visitare il quartiere di Brera e quindi anche la sua famosa Pinacoteca, che vanta una collezione artistica con opere che vanno dal medioevo fino ai giorni nostri. Mentre siete in visita alla Pinacoteca visitate anche l’Orto Botanico, luogo suggestivo e incantevole.

Cosa vedere a Milano in 2 giorni – Secondo Giorno

Realizzata in acciaio e cemento armato, è un punto di riferimento per i milanesi e domina lo skyline della città. Nelle immediate vicinanze si trova Piazza Missori dove potete visitare La Cripta di San Giovanni, un piccolo tesoro che faceva parte della chiesa di San Giovanni distrutta per fare spazio alla viabilità.Il secondo giorno iniziate il vostro tour da Piazza del Duomo e spostatevi su Via Palazzo Reale fino a raggiungere Via Larga, per poi proseguire verso la Torre Velasca, simbolo architettonico della città.

Proseguite fino a raggiungere Via Molino delle Armi e arrivate a Corso di Porta Ticinese, in cui potrete ammirare le famose Colonne di San Lorenzo, situate di fronte alla Basilica di San Lorenzo Maggiore.

Dirigetevi verso Via Edmondo de Amicis e da qui potete arrivare alla Basilica di Sant’Ambrogio, in stile paleocristiano, considerata la seconda chiesa più importante della città. Costruita nel nel 379 d.C., è stata ampliata nell’VIII secolo e successivamente trasformata in forme romaniche.

Nel 1492 è stata ristrutturata dal Bramante, poi è andata distrutta durante la seconda guerra mondiale. Ad oggi si presenta nello stile classico del gotico longobardo, con una facciata a capanna, preceduta da un cortile porticato e impreziosita da due torri. La basilica contiene le spoglie di Sant’Ambrogio e di due martiri.

A pochissima distanza dalla chiesa di trova la prestigiosa Università Cattolica del Sacro Cuore, mentre imboccando Corso Magenta si giunge alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie dovete potete ammirare il Cenacolo di Leonardo da Vinci.

Nelle vicinanze da non perdere è una tappa al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia dedicato in particolar modo a Leonardo Da Vinci ed alle sue famose macchine che vennero progettate proprio nel periodo in cui visse qui a Milano.

Nel pomeriggio potete dedicarvi alla visita della Darsena, un’area molto importante nel passato e che è stata ripristinata in occasione dell’Expo 2015. Oggi è una delle zone mondane più frequentate della città e sia il Naviglio Grande che il Naviglio Pavese ospitano una passeggiata romantica e piacevole, fiancheggiata da tantissimi locali alla moda sempre pieni di gente.

Un’altra zona imperdibile di Milano è la City, il nuovo quartiere caratterizzato da edifici e grattacieli futuristici, come il Giardino Verticale e Piazza Gae Aulenti. A due minuti dalla piazza raggiungete Corso Como, zona elegante della città e piena di negozi di moda, molto chic e raffinata.

Visitare Milano in 3 giorni

Durante un soggiorno a Milano non potete perdere la visita di alcune delle attrazioni più belle di questa magnifica città. Se avete tre giorni da dedicare per visitare la città ecco un itinerario da seguire per non perdere alcune delle meraviglie che tutto il mondo ci invidia!

Cosa vedere a Milano in 3 giorni – Primo Giorno

Iniziate l’itinerario del primo giorno di visita a Milano dal Duomo, monumento emblematico della città, ed anche una delle più grandi chiese d’Europa. Per godere una vista migliore della cattedrale salite fin sulle guglie, così da vedere da vicino la statua della Madonnina e spaziate lo sguardo sulla città, il panorama è magnifico!

Da Piazza del Duomo dirigetevi verso la Galleria Vittorio Emanuele II, considerata il salotto cittadino e piena di negozi, bar e ristoranti alla moda. Da qui, tramite il passaggio coperto, giungete a Piazza della Scala, in cui si trova il celebre teatro.

Famoso per la sua architettura, la sua storia e le opere rappresentate in qualsiasi stagione, il Teatro alla Scala si trova proprio di fronte a Palazzo Marino, sede del Comune.

Nelle vicinanze imperdibile è una tappa in quelle che sono considerate le vie dello shopping di lusso, ovvero Via Montenapoleone e Via della Spiga, frequentate da vip e personaggi prestigiosi che da tutto il mondo giungono qui per fare shopping.

Nel pomeriggio potete fare un salto a Brera per visitare la celebre Pinacoteca, il museo più importante della città che conserva opere d’arte di artisti famosi come Sandro Botticelli, Umberto Boccioni, Angelo Bronzino, Piero della Francesca, Andrea Mantegna, Caravaggio, Francesco Hayez, Raffaello, Amedeo Modigliani, Picasso, Canaletto e molti altri.

Verso sera, per rilassarvi, concedetevi un aperitivo ai Navigli, una delle zone più mondane di Milano, piena di pub, ristoranti e locali notturni. La zona è frequentatissima sia dai milanesi che dai turisti e vale la pena fare una passeggiata per immergersi nell’atmosfera frizzante del quartiere o magari sedersi ad uno dei tanti locali a bere qualcosa.

Molto suggestivo è il Vicolo Dei Lavandai, una strada colorata affascinante che prende il suo nome perché un tempo era il luogo dove le donne del quartiere venivano a lavare i panni sulle lastre di pietra situate lungo la via.

Cosa vedere a Milano in 3 giorni – Secondo Giorno

Iniziate il secondo giorno con la visita alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, splendido di epoca rinascimentale e al cui interno, nel refettorio, si trova il celebre dipinto murale di Leonardo da Vinci, l’Ultima cena, capolavoro assoluto dell’artista.

Da qui potete dirigervi verso Corso Magenta e proseguire per visitare un’altra autentica attrazione della città, Parco Sempione, polmone verde di Milano, arricchito da deliziosi laghetti e ornato da monumenti e innumerevoli sculture.

Il parco è un angolo verde molto rilassante, in cui si possono ammirare diverse specie animali e vegetali, e anche e anche alcuni interessanti come il Palazzo dell’Arte de La Triennale, l’Arena Civica, L’Arco della Pace e l’Acquario Civico composto da 36 vasche in cui vivono oltre 100 specie di pesci.

Accanto al parco imperdibile è una tappa al Castello Sforzesco, altro simbolo della città e imponente struttura fatta edificare dalla famiglia Visconti. Molto amato dai milanesi, ancora oggi rappresenta l’emblema di quello che in passato è stato il potere esercitato dalle principali casate del territorio.

All’interno del castello si trovano diversi musei come la Pinacoteca, il Museo della preistoria, il Museo Egizio, il Museo d’arte antica, il Museo del mobile ed il Museo degli strumenti musicali e perfino una biblioteca d’arte e una libreria.

Proseguite a piedi per circa venti minuti, oppure se preferite prendete la linea rossa della metro e scendete a Palestro, una zona di Milano in cui si possono ammirare edifici spettacolari dell’Art Nouveau milanese, come Palazzo Castiglioni.

Dirigetevi verso via Serbelloni e imboccate via Cappuccini, dove sulla sinistra potrete ammirare Villa Invernizzi e lo spettacolo di un’intera famiglia di fenicotteri rosa che vi abita. Un altro bellissimo palazzo da vedere alla fine della Via Cappuccini è Casa Berri Meregalli, un edificio massiccio e imponente che segna la fine della stagione del Liberty a Milano.

 

Il palazzo colpisce per le decorazioni di animali che prendono il posto dei motivi floreali e vegetali e per l’androne che somiglia alla cripta di una chiesa e in cui troneggia una scultura di Adolfo Wildt.

Se avete tempo e volete vedere ancora altre cose dirigetevi verso Piazzale Baiamonti e immergetevi in quello che è un vero e proprio museo a cielo aperto, ovvero il Cimitero Monumentale, che custodisce opere d’arte prestigiose eseguite da artisti straordinari come Pomodoro e Fontana, due dei tanti che hanno creato autentici capolavori.

Qui sono sepolti personaggi famosi come Arturo Toscanini, Alessandro Manzoni e altre personalità di spicco e fama internazionale.

Cosa vedere a Milano in 3 giorni – Terzo Giorno

L’itinerario del terzo giorno prevede l’inizio da Porta Venezia, esattamente dai musei PAC (Padiglione di Arte Moderna) e GAM (Galleria di Arte Moderna).  Questi due musei custodiscono una collezione enorme di opere dell’Ottocento e sono situati all’interno della Villa Reale fatta edificare nel 1796 da Leopoldo Pollack.

Imperdibile è una sosta ai Giardini Pubblici Indro Montanelli, situati di fronte alla Villa Reale: al loro interno si trovano il Museo di Storia Naturale ed il Planetario Ulrico Hoepli, quest’ultimo luogo di grande interesse e fascino per grandi e bambini.

In circa venti minuti a piedi potete raggiungere tramite piazza della Repubblica e Viale della Liberazione la zona moderna della città, Piazza Gae Aulenti, una piazza circolare e rialzata rispetto alla strada. Qui sorge il palazzo Unicredit, che si vede quasi da tutta la città e da questa piazza è possibile passeggiare lungo un vialetto pedonale sovrastato dai grattacieli.

Da qui potete ammirare anche il famoso grattacielo Bosco Verticale, premiato nel 2014 e nel 2015 con il riconoscimento International Highrise Award perché ritenuto il miglior grattacielo al mondo.

Sempre in questa zona è possibile visitare il centro commerciale Milano City Life, spettacolare con la sua piazza e le due torri, Torre Isozaki e Torre Hadid, e tanti cinema e negozi dove fare shopping e divertirsi.

A poca distanza si trova anche Il Grattacielo Pirelli, dalla cui cima si può ammirare la città. La struttura ospita alcuni uffici della Regione Lombardia.

Se avete ancora tempo, potete visitare anche lo Stadio di San Siro, dove giocano le squadre di Milano Milan e Inter e dove durante la stagione estiva vi si tengono eventi e concerti!

Dove soggiornare a Milano e desiderate trovare una sistemazione a buon prezzo? Grazie alla presenza di tantissimi bed and breakfast che troverai in qualsiasi punto della città, anche vicino alle maggiori attrazioni, potrete scegliere quello più indicato alle vostre necessità e trascorrere il periodo di soggiorno in un alloggio confortevole e molto accogliente.

I bed and breakfast economici Milano sono vicini anche alla metropolitana e alle fermate degli autobus, il che vi consentirà di andare ovunque senza alcun problema, vista l’efficienza dei mezzi pubblici. Scegliere di prenotare uno dei tanti b&b economici Milano, oltre che farvi risparmiare, vi farà vivere un soggiorno indimenticabile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.