Cosa vedere e dove andare a Roma in 5 giorni? La città offre davvero tanti spunti e sono tantissime le attrazioni da visitare in questo lasso di tempo, sufficiente per avere una panoramica completa delle meraviglie che si trovano nei diversi punti. In effetti, tra musei, monumenti, palazzi, parchi e molto altro sono tante le cose da vedere, bisogna solo capire come procedere ogni giorno per visitare il più possibile. Ecco un itinerario ricco e variegato per visitare Roma in 5 giorni e scoprire le bellezze e i tesori di questa incantevole città!

Visitare Roma in 5 giorni – primo giorno

L’itinerario per visitare Roma in 5 giorni comincia dal colle Palatino, luogo affascinante e in cui è assolutamente da vedere la Casa di Augusto, con i suoi affreschi restaurati di recente. L’area archeologica è spettacolare e quindi perderete sicuramente del tempo per esplorarla tutta, quindi munitevi di acqua e qualche tramezzino per evitare che ad un certo punto vi manchino le forze.

Proseguite la visita attraverso gli altri edifici presenti, tra cui la Domus Flavia, uno splendido palazzo costruito nell’81 a.C. per ordine di Domiziano, la Casa di Livia, uno degli edifici meglio conservati, lo Stadio di Domiziano e il Museo Palatino.

L’itinerario prosegue con la visita al Colosseo, simbolo di Roma per eccellenza e senza dubbio il monumento più maestoso della città antica. La magnificenza del Colosseo stupisce chiunque e potete anche visitarlo dall’interno per vedere la divisione della struttura che è davvero architettonica. Per entrare senza difficoltà è consigliabile comprare il biglietto on-line Roma Pass, così non sarete costretti ad attendere le code lunghissime che ogni giorno si formano per visitare la struttura.

L’itinerario prosegue con la visita al Colosseo, simbolo di Roma per eccellenza e senza dubbio il monumento più maestoso della città antica. La magnificenza del Colosseo stupisce chiunque e potete anche visitarlo dall’interno per vedere la divisione della struttura che è davvero architettonica. Per entrare senza difficoltà è consigliabile comprare il biglietto on-line Roma Pass, così non sarete costretti ad attendere le code lunghissime che ogni giorno si formano per visitare la struttura.

A pochissima distanza si trova Piazza Venezia, con il suo Vittoriano, monumento progettato nel 1885 per commemorare l’unità d’Italia. Continuate la vostra visita procedendo verso piazza del Campidoglio, a cui potete accedere attraverso la Cordonata, la scalinata che da piazza dell’Ara Coeli Santa Maria in Aracoeli porta sul colle.

Oltre alla meraviglia dei Musei Capitolini, considerati il museo pubblico più vecchio al mondo, potete visitare anche la Basilica di Santa Maria in Aracoeli, posta a sud del monte capitolino e celebre perché custodisce una scultura in legno del Bambino Gesù ritenuta miracolosa. Maestosa e suggestiva è la Scalinata dell’Ara Coeli in marmo, costruita nel 1348 e composta da 124 ripidi gradini.

Fate il giro della piazza e vi troverete quasi di fronte al Teatro di Marcello: l’antico teatro di epoca classica, alle cui spalle si trova il Ghetto Ebraico di Roma, si trova in un contesto molto affascinante.

In questo concentrato di stili urbani e architettonici diversi che convivono armoniosamente si farà sentire per voi la stanchezza e quindi è ora di trovare un luogo dove mangiare per riprendere le energie per il giorno successivo.

Visitare Roma in 5 giorni – secondo giorno

L’itinerario del secondo giorno per visitare Roma in 5 giorni parte dalla Basilica di San Pietro, da raggiungere prendendo la metro fino alla fermata Ottaviano-San Pietro. E’ preferibile visitare la basilica e la piazza di buon’ora per evitare che sia troppo affollata di gente. Incredibile è la magnificenza della piazza e del suo colonnato, così come la basilica di San Pietro all’interno. La basilica è il fulcro della cristianità nel mondo e per entrare dovete indossare abiti non troppo scollati e non troppo corti. Da ammirare all’interno della basilica monumenti celebri come la Pietà di Michelangelo, il Baldacchino del Bernini, ma da non perdere sono anche le Grotte Vaticane situate sotto la basilica per tutta la sua lunghezza. Se avete tempo dedicate una visita ai Giardini Vaticani, immensi e considerati un autentico splendore.

Un’altra tappa imperdibile sono i Musei Vaticani, situati nei pressi della basilica e ritenuti uno dei complessi museali più belli al mondo. I musei ospitano una ricchissima collezione di opere d’arte che i papi hanno accumulato durante i vari secoli. Non perdete di visitare la Pinacoteca, il Museo Pio-Clementino, la Galleria delle Carte Geografiche, le Stanze di Raffello e la suggestiva Cappella Sistina.

Con una passeggiata di alcuni minuti lungo via della Conciliazione giungerete a Castel Sant’Angelo, la maestosa fortezza sul Tevere un tempo mausoleo dell’imperatore Adriano, successivamente fortezza e sede apostolica e che ad oggi ospita un museo. Il Castello è collegato al Vaticano tramite il Passetto di Borgo, una sorta di corridoio di 800 metri di lunghezza che univa la fortezza papale al Vaticano. Da non perdere una tappa sulla Terrazza dell’Angelo, da dove si gode una veduta meravigliosa su Roma. Se volete concedervi un pranzo in questa zona ci sono tante trattorie dove mangiare anche a prezzi contenuti.

Finita la pausa, proseguite verso Ponte Sant’Angelo e passeggiate tra gli affascinanti vicoli e le deliziose piazze che ancora oggi risultano suggestivi. Poi proseguite verso Piazza Navona, sulla quale si affacciano spettacolari palazzi barocchi e in cui sono collocate delle fontane stupende. Tutt’ora questa piazza, con la meravigliosa Fontana dei Quattro fiumi del Bernini e gli artisti che vi soggiornano dal mattino alla sera ha un’atmosfera magica che conquista i visitatori. In questa piazza si svolge il Carnevale e si tengono i mercati di Natale, che riempie di luci e colori fantastici ogni angolo, regalando quella sensazione di pace che fa bene al cuore.

Non mancano le sorprese e basta girare l’angolo per immergersi nel paradiso dell’antiquariato, dove dominano tavoli, lampade e molto altro: siamo nella Via dei Coronari, in cui fanno bella mostra le scintillanti vetrine piene di oggetti preziosi. Poco distante da Piazza Navona non potete perdere una visita alla splendida Chiesa di San Luigi dei Francesi, che conserva tre opere preziose di Caravaggio.

Tornando a Piazza Navona, uscite a sud, percorrete Corso Vittorio Emanuele e procedete su Via dei Ballauri fino a Campo dei Fiori. Nella piazza domina la statua di Giordano Bruno, il monaco condannato al rogo per eresia nel periodo della Controriforma. A due passi dalla piazza una visita merita la Galleria Spada, collocata all’interno di uno dei palazzi rinascimentali più belli di Roma, il cinquecentesco Palazzo Capodiferro. La Galleria Spada ospita una preziosa collezione di pittura barocca e capolavori di artisti celebri come Guido Reni, Tiziano e Parmigianino.

Terminate il secondo giorno concedendovi una cena in questa zona.

Visitare Roma in 5 giorni – terzo giorno

Il terzo giorno dell’itinerario per visitare Roma in 5 giorni parte da Trastevere, il quartiere dove si respira ancora quell’aria romantica della dolce vita degli anni ’50. Per arrivare prendete il tram numero 8 a Largo Argentina e giungerete a Viale Trastevere. Oggi è quartiere pieno di locali alla moda, molto animato e pittoresco: passeggiare nei suoi vicoli è ancora suggestivo e non mancano monumenti di spicco come la Basilica di Santa Maria in Trastevere, piazza Trilussa, la basilica di santa Cecilia in Trastevere, la Basilica di San Crisogono, la Chiesa di San Pietro in Montorio.

Per godere una veduta speciale sulla città vale la pena raggiungere il colle Gianicolo e da lassù è davvero tutta un’altra cosa. Prima di proseguire fermatevi a pranzare in una delle tante trattorie del posto e poi proseguite verso la prossima tappa, il Pantheon, un altro simbolo molto importante di Roma antica, ancora oggi in ottimo stato di conservazione. Incantevole la cupola in calcestruzzo con la volta più grande mai realizzata.

Attraverso via del Corso raggiungete la mitica Fontana di Trevi, in stile barocco, meravigliosa e suggestiva, che vi si para davanti come un’immagine grandiosa e imponente. Vi emozionerete al vedere questa fontana e le sue vasche immense in cui scorre l’acqua di continuo! Continuate a percorrere via del Corso e raggiungete Piazza di Spagna, un’altra delle piazze di Roma più belle in assoluto. Nota per la sua scalinata scenografica di Trinità dei Monti, la piazza è stata scelta per sfilate di moda di calibro internazionale ed è stata anche set di film celebri.

Ai piedi della scalinata si trova la celebre fontana della Barcaccia realizzata da Pietro Bernini. Se avete voglia di dedicarvi allo shopping non avete che da imboccare la strada accanto alla scalinata, Via dei Condotti, una delle vie principali dello shopping di lusso della città eterna. Sulla collina del Pincio, accanto a Trinità dei Monti, invece, sorge la monumentale Villa Medici, uno dei gioielli rinascimentali di Roma e sede, dal 1803, dell’Accademia di Francia.

Dopo un giro così intenso è il caso di soffermarsi in qualche locale per riposare e concedersi una cena ristoratrice.

Visitare Roma in 5 giorni – quarto giorno

Nel penultimo giorno di questo itinerario per visitare Roma in 5 giorni partite invece alla scoperta di quello che è considerato il parco pubblico più famoso di Roma, Villa Borghese. Luogo ideale per trascorrere momenti di piacevole relax o per portare i bambini e farli giocare senza rischi, il parco di Villa Borghese offre panorami straordinari sulla città e viali decorati con statue e una vegetazione lussuosa e ricca.

All’interno del parco potete visitare il Museo o Galleria Borghese, che custodisce opere di inestimabile valore dio artisti famosi come Caravaggio, Bernini, Botticelli e Raffaello, perfino la statua di Paolina Borghese del Canova. All’interno di Villa Borghese si trova anche il Bioparco di Roma, il giardino zoologico di che ospita attualmente 1144 animali di 222 specie diverse.

Per raggiungere Villa Borghese dovete scendere alla stazione della metro Flaminio (linea A). Lasciata la villa proseguite su via della Villa Giulia e raggiungete il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, in cui potrete ammirare oggetti etruschi appartenenti a tombe disseminate in tutto il Lazio. Imboccate Viale delle belle arti e raggiungete la Galleria Nazionale di Arte Moderna in cui si possono trovare capolavoro degli artisti italiani tra Otto e Novecento.

Da qui raggiungete Via Veneto passando l’Arco di Porta Pinciana e arrivate a Piazza Barberini, dove troneggia la Fontana del Tritone del Bernini. La piazza risale al tardo Medioevo e il Tritone risale al XVII secolo. Da visitare Palazzo Barberini e la Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini, una meraviglia! Continuate lungo via del Tritone e poi verso via del Traforo fino a giungere alla Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola, splendido edifico barocco situato nella piazza omonima. La chiesa presenta un curioso particolare: la cupola, infatti, non è una vera e propria cupola e al suo posto vi è un trompe-l’oeil dipinto da Andrea Pozzo che dona l’illusione della cupola. Uno spettacolo imperdibile!

Anche oggi è giunto il momento di concludere la giornata con un pasto in uno dei locali della zona.

Visitare Roma in 5 giorni – quinto giorno

L’itinerario per l’ultimo giorno della visita a Roma in 5 giorni prevede la visita del colle Aventino, su cui aleggia la leggenda della famosa disputa tra Romolo e Remo sulla fondazione della città. A parte la leggenda, il luogo è davvero molto suggestivo e vi sono alcune delle chiese più antiche di Roma. La prima tappa è al Circo Massimo, che nel I sec. a. C era il più grande circo dove si svolgevano le corse dei cavalli.

In cima al colle da visitare è la villa del Gran Priorato di Malta, una struttura in cui si intrecciano storia e mito: la piazza dei Cavalieri di Malta, decorata e impreziosita da obelischi, è veramente qualcosa di unico! L’Aventino ospita anche il Roseto Comunale contenente oltre 1100 rose da tutto il mondo. Proseguite l’itinerario imboccando Via Santa Sabina e visitate il Giardino degli aranci: si tratta di una immensa roccaforte costruita da una ricca famiglia romana, i Savelli, in epoca moderna trasformata nel meraviglioso Giardino degli Aranci. Salite sulla terrazza della roccaforte per ammirare il panorama sull’intera città!

All’ingresso del giardino si trova una fontana in granito, realizzata dallo scultore Giacomo Della Porta e raffigurante un mascherone che rappresenta Oceano incorniciato dentro una conchiglia. Fate ritorno su via Santa Sabina e visitate la Basilica di Santa Sabina del V secolo, nel cui portale in legno di cipresso, composto da 18 pannelli intagliati, è rappresentata la crocifissione. Lungo il percorso incontrerete il Cimitero acattolico e davanti ad esso la Piramide di Caio Cestio. Concludete il tour visitando la Basilica di S. Paolo Fuori le Mura, costruita nel IV secolo sulla tomba di San Paolo.

Come vedete, in 5 giorni è possibile visitare Roma in lungo e in largo e scoprire molte delle bellezze che l’hanno resa famosa nel mondo!